Il dente di leone aiuta contro le proteine SPIKE

Ora che la maggior parte delle foreste di abeti sono state “raccolte” e anche i loro oli essenziali sono esauriti, ecco che arriva il mio prossimo “colpo” alla natura:

I ricercatori dell’Università di Friburgo hanno scoperto che probabilmente il dente di leone comune (Taraxacum officinale) blocca efficacemente l’interazione tra il recettore della superficie cellulare ACE2 e la proteina spike D614 della SARS-CoV-2 e alcuni mutanti.

Le proteine spike ingegnerizzate della SARS-CoV-2 possono essere fermate da una comune “erbaccia” che viene sradicata dai prati ogni anno. Uno studio universitario tedesco ha scoperto che il dente di leone (Taraxacum officinale) può bloccare il legame delle proteine spike ai recettori della superficie cellulare ACE2 nelle cellule polmonari e renali umane. L’estratto di dente di leone in acqua, ottenuto dalle foglie secche della pianta, è stato efficace contro la proteina spike D614 e una varietà di ceppi mutanti, tra cui D614G, N501Y, K417N, e E484K.

Conclusione: il picking in natura passa al prossimo turno!

Fonte: MedicineNews

Medicina tradizionale cinese TCM contro Covid

Le cure per la SARS-CoV-2 sono già state progettate da Dio, preparate dai processi evolutivi e sintetizzate dalla natura. Più dell’85% dei pazienti di Covid 19 in Cina sono trattati con successo con piante medicinali che sono state ampiamente studiate nel campo della medicina tradizionale cinese (MTC).

Durante l’epidemia di SARS nel 2003, la Commissione Nazionale della Salute della Repubblica Popolare Cinese ha studiato centinaia di erbe medicinali e i loro componenti principali. Queste medicine tradizionali sono state utilizzate anche nelle linee guida del trattamento Covid 19 per i pazienti dell’ospedale.

Il 17 febbraio, le autorità sanitarie cinesi hanno riferito che tutti i 60.107 casi di Covid-19 sono stati trattati con successo con la MTC. La nazione a quel tempo usava esclusivamente la MTC per trattare la stragrande maggioranza dei casi di covidi. La medicina tradizionale cinese usa migliaia di composti molecolari sintetizzati derivati da varie erbe, radici, cortecce, semi, bacche, fiori e altri componenti della pianta. Molte di queste sostanze fitochimiche hanno effetti antinfiammatori sulle cellule umane e permettono al sistema immunitario innato di monitorare da vicino e rispondere efficacemente agli agenti patogeni.

Più di 16.500 prodotti botanici sono stati studiati per sviluppare un protocollo di trattamento efficace per il Covid-19

Gli scienziati cinesi hanno testato 16.500 composti vegetali e misurato i loro effetti inibitori individuali e sinergici contro tre proteine virali, 3-chymotypsin protease, papain-like protease, e RNA-dependent RNA polymerase. I composti vegetali hanno mostrato enormi effetti antivirali e immunomodulatori contro queste proteine ed enzimi virali. Alcune erbe sono in grado di modulare la tempesta di citochine osservata nei casi gravi di covidi.

I ricercatori medici hanno effettuato un’analisi farmacologica di migliaia di composti isolati da ogni pianta medicinale e hanno scoperto effetti sinergici per una combinazione di queste sostanze fitochimiche. Le piante con la combinazione più potente di composti vegetali secondari antinfiammatori, antivirali e immunomodulatori sono state identificate e valutate per il loro ruolo terapeutico nel bloccare l’attacco virale e attenuare la replicazione della SARS-CoV-2.

I composti vegetali sono stati studiati in quattro aree critiche:

1. per inibire il legame virus-recettore cellulare o per sopprimere l’auto-assemblaggio del virus

2. stimolare l’immunità dell’ospite attraverso la produzione di fattori di virulenza

3. bloccare l’entrata del virus nelle cellule dell’ospite agendo sugli enzimi dell’ospite o sul recettore di entrata cellulare

4. prevenire la sintesi e la replicazione dell’RNA della SARS-CoV-2 agendo su proteine ed enzimi vitali.

Lo studio si è concentrato molto sulle piante che aiutano a mitigare le risposte iperinfiammatorie durante l’infezione da covid-19. I pazienti a più alto rischio producono un numero incontrollato di citochine, portando a una “tempesta di citochine” di complicazioni. La tempesta di citochine è la risposta infiammatoria sistemica letale e incontrollata. Le piante medicinali con le proprietà più antinfiammatorie mitigano la tempesta di citochine e salvano la vita.

Piante superiori e sostanze vegetali secondarie per il trattamento del Covid-19

Le tre piante più efficaci per trattare il covid-19 includevano la radice di liquirizia(Glycyrrhiza glabra), la radice di cicoria (Cichorium intybus) e i fiori di ibisco (Hibiscus sabdariffa). La radice di liquirizia ha una storia di efficacia contro diversi virus. In studi randomizzati e controllati, la radice di liquirizia ha anche mostrato sia una riduzione della mortalità nei pazienti con covid-19 sia un’attività antivirale ad ampio spettro contro vari patogeni.

I singoli composti con la maggiore attività antinfiammatoria includevano quercetina, acido ursolico, kaempferolo, isorhamnetina, luteolina, glicerrizina e apigenina.

Altre potenti piante antivirali includono la foglia d’olivo (Olea europaea), il marrubio bianco (Marrubium vulgare), il cumino nero (Nigella sativa), il crescione (Lepidium sativum), l’assenzio della Giudea (Artemisia Judaica), la guava (Psidium guajava), il crisantemo (Glebionis .) coronaria), e il fiore di Maryam (Anastatica). Queste piante contengono tutti i composti giusti che colpiscono tutti e tre gli obiettivi antivirali.

Le piante che erano efficaci contro due degli enzimi virali includevano: salice peloso (Epilobium hirsutum), cece (Cicer arietinum), e cantarioun (Centaurea incana). Le piante che erano efficaci contro due delle proteine virali includevano: rosella (Hibiscus sabdariffa), camomilla tedesca (Matricaria chamomilla), sedano (Apium graveolens), ed erba medica (Medicago sativa).

Fonte: NaturalNews

Torna su