2,7 MMS e malaria

Alla fine del 2012, uno studio sulla malaria in una stazione della Croce Rossa in Uganda è stato documentato da tre team internazionali indipendenti di cameraman. In quattro giorni sono state esaminate 781 persone, di cui 154 infettate dalla malaria. L’infezione è stata dapprima determinata da un test convenzionale rapido per la malaria e poi ogni caso sospetto positivo è stato chiaramente confermato da esami del sangue al microscopio. Alcuni hanno anche avuto una doppia infezione con due dei cinque possibili agenti patogeni della malaria. A tutti gli adulti è stata data una singola dose di 18 gocce attivate e a tutti i bambini sono state date 9 gocce attivate di MMS da bere. Dopo 24 ore, solo 11 dei 154 pazienti affetti da malaria confermati erano risultati positivi al test. Tutti gli altri erano senza sintomi e senza sintomi. Gli 11 che hanno continuato ad essere infetti hanno detto di non averlo bevuto tutto o di aver vomitato poco dopo averlo preso. Gli è stata somministrata una seconda dose della stessa quantità sotto controllo ed erano tutti liberi dalla malaria anche il giorno dopo. Tuttavia, questo ben documentato studio sulla malaria è stato messo in discussione in un servizio televisivo. Si è sostenuto che non c’erano prove che gli MMS curassero la malaria entro 24 ore, poiché nessun medico era stato presente per confermarlo. Questa affermazione può essere completamente confutata da firme, fotografie e documenti disponibili. D’altra parte, però, è stato ammesso nel servizio televisivo che dopo l’assunzione di MMS tutti i pazienti affetti da malaria erano stati effettivamente “senza sintomi”. Come è potuto accadere? Ancora oggi, la medicina convenzionale non è in grado di eliminare i sintomi dei pazienti affetti da malaria in questo breve periodo di tempo.

I fatti:

– Studio sulla malaria 2012 Uganda

Torna su